COME GESTIRE LE EMOZIONI – IL SISTEMA PRATICO E SCIENTIFICO

da | Come gestire le emozioni

In questo articolo ti spiego come gestire le emozioni in maniera efficace. 

No…

Questo non è il solito post che ti fa promesse che poi non mantiene…

Come te, anche io, sono stufo delle strategie sulla gestione emotiva che si trovano in giro:

sono complesse, difficili da applicare o che richiedono mille sforzi e non funzionano mai

Ecco perché per anni mi sono impegnato nel cercare delle strategie efficaci che mi permettessero di gestire le mie emozioni, così da diventare padrone di me stesso e potermi muovere verso i miei obiettivi. 

Indovina ? 

Ho perso tanto tempo, troppo, ed energie nel tentativo di applicare strategie che non funzionavano…

La paura continuava a bloccarmi, la rabbia mi portava a perdere il controllo, non riuscivo a gestire i piaceri della vita e il dolore mi rallentava.

Ci ho messo anni, ho perso tanto tempo studiando strategie e approcci che non funzionavano.

 Mi ritrovavo sempre a chiedermi:

“Dove sto sbagliando ?” 

“Forse ho qualcosa che non va e io non potrò mai riuscirci ?”

Ogni volta mi applicavo con volontà e dedizione, ma mi ritrovavo sempre più frustrato e preoccupato. 

Poi tutto è cambiato.

Finalmente ho trovato le strategie giuste. 

Ho capito che non ero io ad essere sbagliato, ma le strategie proposte da guru di turno che non le avevano mai applicate. 

La mia vita da allora è cambiata.

Voglio farti risparmiare frustrazioni inutili, tempo, fatica ed energie preziose…

Ecco perché in questo articolo condivido con te il sistema pratico e scientifico ti insegna come gestire le emozioni

L’ ho costruito riunendo solo le strategie realmente efficaci, che ho testato prima di tutto su di me, e poi sulle persone che ho avuto l’onore di aiutare. 

Di seguito trovi tutte le strategie che potrai applicare da subito per migliorare la tua qualità di vita ed ottenere finalmente quello che desideri.

Concedimi solo un passo in dietro per poi farne due avanti. 

Partiamo da ciò che non funziona per arrivare a ciò che è realmente efficace. 

Perchè le strategie che ti spiegano come gestire le emozioni spesso non funzionano.

La maggior parte delle strategie sulla gestione delle emozioni che trovi in giro non funzionano perché si basano sul controllo

Sia che te le spieghi un guru della crescita personale, un santone o che derivino da approcci psicoterapeutici:

La maggior parte delle strategie non funzionano. 

Perchè ? 

Perché si basano sul controllo. 

Non possiamo controllare l’emozioni, questo ce lo dice la scienza. 

E’ una battaglia persa in partenza.

E non sarebbe neanche funzionale, perché le emozioni comunque hanno un valore positivo.

Dobbiamo quindi imparare a concedercele in maniera strategica per utilizzare il loro valore positivo. 

Le strategie che trovi in giro non funzionano perchè ricadono in uno dei seguenti concetti. 

3 approcci disfunzionali al come gestire le emozioni.

Gli approcci e le strategie per la gestione delle emozioni non funzionano quando ti spingono a: 

Dare libero sfogo alle emozioni

Sono strategie facili da seguire, ma ti portano a conseguenze disastrose e dannose.

Non ascoltare chi ti invita a lasciare la tua rabbia libera di fluire, evitare le cose che ti fanno paura o concederti senza limiti ciò che ti piace. Andrà sempre peggio. 

Tenere sotto controllo le emozioni

Strategie più sensate e razionali delle precedenti, ma che risultano impossibili da applicare:

Cercare di non arrabbiarti ti porta ad arrabbiarti ancora di più; controllare le sensazioni di paura e ansia ti farà perdere il controllo; cercare di non sentire dolore ne aumenterà l’intensità.

Condizionare e addestrare le tue risposte emotive

Le strategie più scientifiche, ma solo all’ apparenza

Il tentativo di condizionare le proprie reazioni emotive è frustrante e destinato al fallimento.

La razionalità non può gestire e condizionare risposte innate, correlate agli istinti ancestrali di sopravvivenza

La maggior parte delle strategie che trovi in giro non funzionano perchè rientrano in una di queste 3 categorie. 

Ecco perchè l’unico modo per gestire le emozioni è concedersele in maniera strategica, così da sfruttare anche il loro valore positivo. 

Ti spiego subito come.

Come gestire le emozioni ? Concedendosele in maniera strategica.

Tutte le emozioni che proviamo derivano da 4 emozioni-sensazioni di base, fondamentali: rabbia, paura, dolore e piacere.

Ognuna di queste 4 emozioni segue una sua logica peculiare, se la conosci e impari a padroneggiarla ti permetterà non solo di gestirle, ma di concedertele per sfruttare la loro spinta funzionale. 

La forza travolgente delle nostre emozioni, che spesso ci blocca o fa compiere ciò che non vogliamo, infatti non può essere bloccata, ridotta o essere lasciata libera di fluire, ma va incanalata in modo che diventi energia propulsiva che ti spinga verso i tuoi obiettivi

Prima che ti spieghi come farlo per ciascuna emozione di base, lasciami chiarire questo aspetto con qualche esempio.

Se gestisci:

La paura del fallimento

Da freno che ti blocca si trasforma in attenzione funzionale che ti permette di prevedere gli ostacoli e gli intoppi che devi prevenire.

La rabbia per un'ingiustizia

Da veleno che ti può portare a esplodere o implodere si trasforma in forza per difendere quei valori che per te sono importanti.

Il piacere deviante

Da tentazione irresistibile che ti allontana dai tuoi obiettivi diviene concessione che ti permette di ricaricare le energie e aumentare la produttività. 

Il dolore di una ferita emotiva

Da lacerazione che ti fa soffrire, qualsiasi azione tu intraprenda, diviene balsamo che ti permette di farla cicatrizzare.

Ora ti spiego come utilizzare, una ad una le logiche delle 4 emozioni di base per gestirle e trasformarle così in potenti alleati.

Come gestire la paura in maniera strategica

La paura segue una logica paradossale.

Cosa significa ? 

Che quando sale oltre un certo livello, il provare a controllarla o ti blocca o la fa aumentare

Se prima di un’esame, di un incontro o di una performance cerchi di tranquillizzarti e tenere sotto controllo la tua ansia rischi o di bloccare le tue risorse o di perdere il controllo.

La paura è una bussola al contrario che ti indica in che direzione devi andare.

B. Paoli

Per trasformare la paura, da ansia che ti blocca ad attivatore delle tue risorse, devi concedertela portandola paradossalmente all’eccesso quando è troppo elevata.

Per fare questo le strategie che potrai utilizzare sono:

Il controevitamento strategico

Consiste nel opporre alla paura che ti porta ad evitare ciò che temi, una più funzionale che ti rende coraggiosə.

La costruzione della sicurezza

Smettere di richiedere rassicurazioni e aiuto farà sì che tu ti senta sempre più sicurə.

Il controparadosso

Ti permette di controllare e superare le tue paure in maniera definitiva.

Ti insegno ad usare tutte queste 3 strategie in questa guida (link) dove ti spiego come affrontare le tue paure per superarle.

Come gestire la rabbia in maniera strategica

La rabbia segue una logica della credenza.

Cosa significa ? 

Che quando sale oltre un certo livello, diventa impossibile controllarla, e l’ esprimerla liberamente la fa aumentare

Quando sei arrabbiatə con una persona, litigare con lei, sfogarti o lamentarti con qualcuno per i torti subiti o continuare a rimuginarci sopra servirà solo a farla aumentare, aumentando la tua convinzione di aver subito un torto. 

La rabbia ha due conseguenze:

ti porta ad implodere, cioè continuare a sentirla, trattenendoti e rodendo la tua serenità dall’interno;

o ad esplodere, portandoti a compiere azioni che possono avere conseguenze di cui poi puoi pentirti. 

La rabbia ti offre sempre tre segnali. Il primo: se ti arrabbi è perché quella questione per te è molto importante. Il secondo segnale è: devi compiere un’azione. E il terzo: mai però la prima che ti è venuta in mente.

B. Paoli.

Per trasformare la rabbia, da reazione che ti acceca e fa compiere cose di cui ti penti, a spinta vitale ed energica che ti conduce verso i tuoi obiettivi, dovrai incanalarla e farla defluire in maniera sicura e costruttiva.

Per fare questo le strategie che potrai utilizzare sono:

Ampliare i punti di vista

Ampliare i punti di vista da cui guardare una cosa, fino a ritenere ragionevole e giustificabile anche ciò che ci disturba e faceva arrabbiare.

Scrivere lettere di Rabbia

Scrivere abbassa la febbre del sentire, permette di incanalare la rabbia e lasciarla defluire, in modo che non ti porti a perdere il controllo e compiere azioni di cui potresti pentirti.

Arginare la rabbia con se stessa

Ampliare il tuo punto di vista fino ad arrivare a percepire che arrabbiandoti e dando in escandescenza, non farai altro che dare attenzione alla persona che ti ha ferito è un modo per gestirla definitivamente.

Ti insegno ad usare tutte queste 3 strategie nella guida (link) dove ti spiego come è possibile ottenere una buona gestione della rabbia.

Come gestire le emozioni in maniera strategica: il piacere

 Il piacere segue una logica contraddittoria.

Cosa significa ? 

Che se non me lo concedo diventa irrinunciabile, se me lo concedo posso resistervi

Più provi a evitare alcuni cibi, più li desidererai; una dieta troppo restrittiva ti porta a perdere il controllo, il moralismo e il controllo troppo rigido generano perversione. 

Posso resistere a tutto tranne che alle tentazioni. 

Oscar Wilde

Riuscire a concedersi i piaceri in maniera strategica farà sì che possa vivere una vita soddisfacente, ma allo stesso tempo riuscire a controllarli.

Se gestiti i piaceri, da distrazioni che ti allontanano da ciò che desideri, diventeranno un diversivo temporaneo che aiuta a ricaricarti.

Per fare questo le strategie che potrai utilizzare sono:

Il Concederselo in maniera controllata

Concedersi i piaceri diventa il modo migliore per prenderne controllo e rinunciarvi.

La piccola trasgressione

Essere elastici permette di gestire e controllare in maniera efficace il rischio di perdere il controllo con le attività che ci piacciono. 

Il limitare la quantità con la qualità

L’ unico modo per limitare un piacere è gustarlo in maniera soddisfacente.

Il rendere il piacere una tortura

Quando il piacere è diventato un problema e siamo di fronte a una dipendenza occorre trasformarla in tortura.  

Ti insegno ad usare tutte queste 4 strategie nella guida (che scriverò a Settembre) dove ti spiego come concersi il piacere e lo svago mantenendo il controllo.

Come gestire il dolore in maniera strategica

Il dolore, come il piacere, segue una logica contraddittoria.

Cosa significa ? 

Che se non me lo concedo, provo a scacciarlo e controllarlo, prima o poi verrà fuori e si farà sentire più di prima.

Devi imparare a concedertelo in spazi e tempi adeguati, in modo che possa esplicare la sua funzione taumaturgica, cioè curativa.  

Se provi a controllare il dolore per un abbandono o un lutto o un evento spiacevole, non concedendotelo o fuggendo con l’iperattività, prima o poi si presenterà con prepotenza alle porte del tuo cuore.  

Il coraggio che manca ai più è il coraggio di soffrire per cessare di soffrire.

E. Cioran.

Per utilizzare la forza guaritrice del dolore e liberarti dei pesi del passato dovrai concedertelo in spazi e tempi controllati. 

Per fare questo le strategie che potrai utilizzare sono:

Toccare il fondo per riemergere

Quando ti concedi di toccare il fondo trovi la forza e l’appoggio per spingerti e raggiungere di nuovo la superficie.

Concederselo evitando di combatterlo

Concedersi il dolore e passarci attraverso è il modo migliore per farlo passare.

Ti insegno ad usare queste 2 strategie nella guida (che scriverò a Ottobre) dove ti spiego come superare il dolore emotivo. 

Utilizzare queste strategie ti permette di gestire le emozioni e trasformarle così, da limiti che ti bloccano, in risorse che ti aiutano a raggiungere i tuoi obiettivi e la tua realizzazione personale.

Se vuoi approfondire questo tema ti conisglio il libroEmozioni: istruzioni per l’uso” di G. Nardone

Bibliografia

G. Nardone, Emozioni: istruzioni per l’uso, Ponte alle Grazie 2019, Adriano Salani Editore S. p. A., Milano. 

Realizzazione personale: vuoi saperne di più ? 

Accedi al videoincontro gratuito

Ho preparato per te un videoincontro che ti aiuta a identificare i tuoi autosabotaggi, blocchi ed obiettivi.

Ti proporrò anche degli esercizi per iniziare a lavorarci su e muovere i primi passi verso la tua realizzazione.

  • Sai quali obiettivi vorresti ottenere ma ancora non riesci a raggiungerli ?
  • Ti sembra di vivere al di sotto delle tue potenzialità ?

Ho disegnato questo strumento che ti può aiutare a capire a che punto sei e cosa fare per iniziare a realizzare il tuo successo.

E’ gratuito.
Inserisci la tua mail qui nel form per accedervi subito.

Nome

Ho deciso di prendere ciò che di buono c’è in entrambi i mondi:

La rigorosità e l’efficacia del metodo scientifico, la spinta al miglioramento della crescita personale e unirli per creare un percorso concreto, efficace, scientifico che ti aiuti in tempi brevi a realizzarti.

I contenuti che troverai nel mio blog rispecchiano questa filosofia:

Devono darti informazioni e strategie pratiche, che poggino su solide basi scientifiche, in modo che tu possa applicarle facilmente per ottenere in tempi brevi cambiamenti concreti e migliorare così la tua vita.

Medico, psichiatra e psicoterapeuta

Sono specializzato in Terapia Breve Strategica, interventi brevi, in successo e realizzazione personale, problem solving e coaching.

Da  10 anni mi occupo di crescita personale e formazione, da 5 anni ho intrapreso l’attività clinica nell’ambito della psichiatria e della psicoterapia.

Credo nella rigorosità e l’efficacia del metodo scientifico, e nella spinta al miglioramento della crescita personale, i contenuti che troverai nel mio blog rispecchiano questa filosofia.

Troverai informazioni e strategie pratiche e concrete, ma che poggiano su solide basi scientifiche, in modo che tu possa applicarle da subito per ottenere cambiamenti concreti in tempi brevi.

COME CONCEDERSI IL PIACERE MANTENENDONE IL CONTROLLO: LA GUIDA DEFINITIVA

Anche se può sembrare strano, abbiamo delle problematiche nella gestione del piacere. Uno dei problemi principali che devo affrontare in consulenza con le persone che seguo infatti, è quello del rapporto con i piaceri.
Oggi giorno, nonostante il piacere sia sdoganato, o forse proprio per questo, tutti abbiamo problemi nel rapporto con i piaceri: o ce ne concediamo troppi, perdendo il controllo oppure ne siamo astinenti. A volte poi i due aspetti coesistono insieme in aspetti diversi, ad esempio sono astinente nelle relazioni e nello svago, ma perdo il controllo con il cibo.
In questa guida ti spiego 4 strategie definitive e realmente efficaci per concedersi il piacere mantenendone il controllo.

GESTIONE DELLA RABBIA: LA GUIDA DEFINITIVA

GESTIONE DELLA RABBIA: LA GUIDA DEFINITIVA

Ha senso parlare di gestione della rabbia ?
Assolutamente sì, e in questa guida ti insegno le strategie che potrai utilizzare da subito per gestire la rabbia in maniera funzionale.
La rabbia è una delle emozioni che più sperimentiamo a causa dello stile di vita odierno.
In questa guida ti spiego 3 strategie definitive e realmente efficaci per la gestione della rabbia.

COME AFFRONTARE LE PAURE PER SUPERARLE – LA GUIDA DEFINITIVA

COME AFFRONTARE LE PAURE PER SUPERARLE – LA GUIDA DEFINITIVA

E’ possibile affrontare le paure per superarle in maniera definitiva. Esistono infatti 3 strategie di cui ti parlo in questa guida che ti permetteranno non solo di superare le tue paure una volta per tutte, ma anche di trasformarle in tuoi potenti alleati. Le strategie che imparerai leggendo questa guida sono il controevitamento strategico, la costruzione della sicurezza e il controparadosso.